@@@@@ 54 - @@@@@@ 86 VENTO NUOVO

Dall'alto scorgo lontano bigonce vecchie:
consuetudine che non si aggrappa
dondolando come piena di grappa,

frastornata acutamente nelle orecchie.

Esistenza normale che germoglia tristezza
per proprio non senso
di mostrare visibile e immediata chiarezza
a tutto ciò che penso.

Vento nuovo che dentro gela
facendoci rimanere ben riparati a distanza
permettendoci quella sequela
di ragionamenti con solitudine che avanza.

COMMENTO:

Reeko è pieno di tristezza nel sapere che non ha senso seguire la materialità di questa vita aggrappandosi solamente a delle esternalità considerate da lui stesso come modo più dispregiativo possibile, "delle bigoncie vecchie" che ti vengono inculcate violentemente "nelle orecchie", perciò bisogna cambiare strada o meglio le modalità in cui essa viene percorsa. 

VAI AI COMMENTI PER IL LETTORE