LA MAGIA POETICA

La poesia mi rende profondamente felice
persino in mezzo alle difficoltà ostili
superando l'assai difficoltosa appendice
grazie a movimenti interiori e sottili.

E' qualcosa d'inspiegabile questo
perché nasce dentro di noi impetuoso
ottimizzando fuor qualsiasi gesto
con luce che illumina di meraviglioso.

E' una tecnica che nel momento del bisogno nasce
e che ci mostra delle vie alternative
rendendoci assai diversi fuori, con nuove fasce
attraverso delle movenze iperattive
che ci rafforzano dure come il ferro le ganasce.

Da una base con carta e penna,
si costruisce il nostro solido balcone
su cui percepiamo ad antenna,
ogni più sottile ed interiore opinione.

Ha il potere di rendere tutto bello
sposando qualsiasi vitale aspetto
sull'altare inserito al dito anello
e pieno d'Amore in fondo al petto.

COMMENTO:
Federico come ripetuto più e più volte nel sito medesimo, utilizza nel suo scorrere vitale, la poesia come strumento per superare le proprie difficoltà sia di normale routine, sia quelle amplificate dopo il suo incidente automobilistico che lo ha condizionato a vita in una sedia a rotelle, riuscendo così ad ottenere uno stato di felicità propria che non si basa su basi esterne. Federico per primo è conscio che questa circostanza ed attitudine ad ottenere un senso proprio di pienezza interiore che gli dona gioia, sia qualcosa di inspiegabile ma però nella sua non comprensione è proprio ciò che riesce a creare una sensazione meravigliosa che ci completa a pieno. L'esperienza fatta da Federico, gli ha fatto capire che il momento ottimale dove questa trova le radici per nascere, è il bisogno di trovare nuove basi, nuovi appigli per vivere in modo diverso essendo la condizione presente, non più ottimale; è proprio così che incominciamo ad interiorizzare il singolo aspetto esteriore creandogli la perfezione mancante ottimizzandolo con una "marcia in più" determinata dall'immediatezza a cui si perviene grazie agli strumenti che sono idonei a crearla e che vanno da carta e penna o da un computer o un cellulare o comunque qualsiasi mezzo per imprimere nella memoria un evento o un impressione. In questo stato di attenta riflessione, riusciamo a percepire ogni nostra subconscia sfumatura che ci permette di interiorizzarla dentro di noi con una eterna e spontanea promessa di non abbandonarci mai più ma vivendo insieme e per mezzo di Lei, ogni istante della vita rendendola per sempre nostra e gestibile nei momenti più cupi.  

VAI AI COMMENTI PER IL LETTORE