@@ 67 - @@@ 76 - @@@@ 405 - @@@@@ 182 BURGHY BAR: ESPRESSIONI D'AMICIZIA E D'AMORE NELL'ECONOMIA COME CENTRO DI DIFFUSIONE DEL BENE COMUNE

L'economia avanza incessante senza tregue
promuovendo dei centri di sosta
per diffusione economica e su che ne segue
ad una divulgazione che accosta
alimentazione con cui al meglio si prosegue.

Sono anche punti di fermo per la divulgazione
in cui ognuno la fiducia di sé può ben trarre
determinando con amicizia la gran accettazione
che sblocca della società le possibili sbarre
le quali vengono assegnate senza motivazione.

Democrazia di conversazione umana qui si diffonde
senza mai le persone opprimere
ma aprendo in tutti noi nostre più inconsce sponde
che non son sensazioni effimere,
ma parvenze in cui felicità nell'inconscio si fonde.

L'Amicizia è un "Bene Comune" che bisogna sempre divulgare
perciò Burghy bar interrompere l'importante azione economica mai devi
illuminando sempre l'importante concetto che bisogna Amare
ottimizzando economicamente profitto economico che dai clienti ricevi.

COMMENTO:
al tempo d'oggi governato dall'Economia più spietata che avanza, l'uomo per stargli dietro si deve abituare anche alle regole che questa impone: i centri di consumo come bar e centri per l'acquisto, sono diventati  veri punti di riferimento per la conoscenza e lo scambio reciproco di affetto e dialogo; così il Burghy, un bar di riferimento vicino a casa di Reeko, fa e nel quale Fede sempre si ferma dopo il lavoro o in altre occasioni; è come se i bar o centri simili siano diventati un'arma di difesa dell'uomo ne quali attraverso la conoscenza reciproca carica le cartucce per difendersi contro le insidie che la vita stessa predispone e nasconde nel cammino di ogni uomo. Il riuscire a creare attraverso uno scambio reciproco di idee, un "Bene Comune" che possa diventare nella vita, l'arma più efficacie per superare le insidie in cui ogni uomo è soggetto nella sua vita facendolo "rinascere" con armi nuove dettate come ben sa Fede nelle sue esperienze lavorative, dal POTERE DEL GRUPPO.   

VAI AI COMMENTI PER IL LETTORE