@@@@ 347 - @@@@@ 180 L'INCONTRO DESIDERATO: GLI OSTACOLI DELLA VITA

Quante difficoltà Fede incontra
in un cammino della vita tortuoso
dove ogni volta egli si scontra
contro un modo che nell'impetuoso
si presenta in aspetto
in maniera che non offre scelte
se non seguir il petto
superando le difficoltà svelte
e nel modo più corretto.

La base profondamente cambia
e ad essa tutto deve seguir stretto
senza che niente poi scambia
l'esterno con ciò che si ha in petto
e che con l'Amore ci ricambia
con percorso che a felicità è diretto.

I miei ostacoli mi deviano dal profondo desiderio
e sono costretto sempre a passare oltre
ogni volta che incontro un impulso davvero serio
ma che incespica in vita in una coltre
dove non si riceve in cambio piacevole refrigerio.

Decisioni devono sempre aspettare l'altra parte
che un'aiuto poter dare mi possa
se non si vuol rimaner da Lei in lontana disparte
e far cadere l'Amore in una fossa.

Sono così in uno stato di aspetto perenne
se non c'è un'azione d'altri
che ci fa destare con attenzione antenne
pronti all'intervento scaltri.

COMMENTO:
sulla base delle sue enormi difficoltà di moto e spostamento, Federico è riuscito a trovare una via diversa per andare avanti con cui riuscisse ad INTERIORIZZARE IL FATTO che era intorno a lui e che non era assimilabile e raggiungibile in altre maniere dirette ed agevoli come una volta; facendo questo ha così dovuto cambiare le basi che fin qui ha sempre avuto e "ciò che ha in petto", ecco che acquista più importanza di quello che ha intorno nella sua veste esteriore e fredda. In questa maniera Reeko si riscalda grazie ad una calda effusione di un senso d'Amore interiore ma Fede incespica negli ostacoli che la vita gli spiana davanti, i quali per creare Amore hanno l'insostituibile bisogno della controparte.  

VAI AI COMMENTI PER IL LETTORE